Non sei registrato? Registrati subito cliccando QUI! E utilizza tutte le funzionalita' del sito!

Login    Forum    Iscriviti    Radio

Indice » Tech Area » Allenamento, alimentazione, infortuni, recupero




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 3 messaggi ] 
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: I ciclisti pedalano verso l’osteoporosi?
 Messaggio da leggere Inviato: 9 ottobre 2009, 22:37 
Non connesso
Site Admin
Site Admin
Avatar utente

Iscritto il: 16 luglio 2007, 16:36
Messaggi: 3925
Località: Menzel El Emir e Panormus
La tua bici: Ghost AMR 5700 Custom XT Disc
Società: A.S.D. MTB EMYR
Secondo uno studio pubblicato su «Medicine & Science in Sports & Exercise», i ciclisti che praticano questo sport a livello agonistico o con molta assiduità presentano una densità minerale ossea inferiore rispetto a coloro che vanno in bicicletta in modo più saltuario.

Mantiene in salute cuore e arterie, aiuta a bruciare i depositi di grasso e a ridurre il colesterolo, contrasta il diabete, scioglie le articolazioni, incrementa la funzionalità respiratoria. I benefici della bicicletta sono indiscutibili, ma a sentire un team di ricercatori statunitensi le insidie non mancherebbero, soprattutto per coloro che praticano questa attività in modo più intenso e assiduo.
In uno studio pubblicato su «Medicine & Science in Sports & Exercise», gli esperti hanno infatti riscontrato che i «fanatici» della bicicletta presentano una densità ossea minore (soprattutto a livello di spina dorsale) rispetto a coloro che inforcano le due ruote più occasionalmente. A essere «sotto accusa» è proprio la tipologia di questa pratica sportiva, che non sollecita abbastanza la struttura ossea: il fatto di essere seduti sulla bici comporta infatti una minore forza meccanica e di conseguenza incrementi più modesti di massa ossea.
Andare in bicicletta, spiegano gli studiosi, è uno straordinario esercizio per il sistema cardiovascolare, che comporta uno scarso carico meccanico su ossa e articolazioni. Bisogna però considerare che più intenso è il carico esercitato, maggiore è in risposta l’aumento di massa ossea: senza questo tipo di stress le ossa non diventano più forti e sono più esposte a infortuni. Il rischio, dunque, è quello di andare incontro a maggiori possibilità di sviluppare osteopenia e osteoporosi: una prospettiva che accomuna ciclisti e nuotatori, dato che anche gli amanti della piscina sono impegnati in un’attività esercitata quasi in assenza di gravità.
Entrambe le discipline inoltre, sottolineano gli esperti, sono caratterizzate da un notevole dispendio di calorie e di nutrienti che, se non vengono rimpiazzati adeguatamente con la dieta, privano l’organismo di sostanze importanti per l’integrità delle ossa, come calcio e vitamina D. Si tratta di un deficit calorico che può anche avere ripercussioni psicologiche e comportare problemi come un basso livello di estrogeni nelle donne e di testosterone negli uomini, ormoni che hanno un effetto protettivo sul sistema osseo e prevengono il rischio di fratture. Tra le raccomandazioni per i ciclisti e i nuotatori più accaniti, oltre a curare l’alimentazione, quella di integrare gli allenamenti con esercizi di carico sulle ossa, in modo da incrementare la densità della massa ossea e ridurre il rischio di infortuni e fratture.

D.A. Bemben et al., Bone density comparisons in male competitive road cyclists and untrained controls

_________________
Io oso fare tutto ciò che può essere degno di un uomo, chi osa di più non lo è
[Macbeth]


Top 
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: I ciclisti pedalano verso l’osteoporosi?
 Messaggio da leggere Inviato: 10 ottobre 2009, 8:54 
Non connesso
Biker extra
Biker extra
Avatar utente

Iscritto il: 21 marzo 2009, 23:44
Messaggi: 757
Località: Palermo
La tua bici: MTB BDC
andreacisco ha scritto:
Secondo uno studio pubblicato su «Medicine & Science in Sports & Exercise», i ciclisti che praticano questo sport a livello agonistico o con molta assiduità presentano una densità minerale ossea inferiore rispetto a coloro che vanno in bicicletta in modo più saltuario.

Mantiene in salute cuore e arterie, aiuta a bruciare i depositi di grasso e a ridurre il colesterolo, contrasta il diabete, scioglie le articolazioni, incrementa la funzionalità respiratoria. I benefici della bicicletta sono indiscutibili, ma a sentire un team di ricercatori statunitensi le insidie non mancherebbero, soprattutto per coloro che praticano questa attività in modo più intenso e assiduo.
In uno studio pubblicato su «Medicine & Science in Sports & Exercise», gli esperti hanno infatti riscontrato che i «fanatici» della bicicletta presentano una densità ossea minore (soprattutto a livello di spina dorsale) rispetto a coloro che inforcano le due ruote più occasionalmente. A essere «sotto accusa» è proprio la tipologia di questa pratica sportiva, che non sollecita abbastanza la struttura ossea: il fatto di essere seduti sulla bici comporta infatti una minore forza meccanica e di conseguenza incrementi più modesti di massa ossea.
Andare in bicicletta, spiegano gli studiosi, è uno straordinario esercizio per il sistema cardiovascolare, che comporta uno scarso carico meccanico su ossa e articolazioni. Bisogna però considerare che più intenso è il carico esercitato, maggiore è in risposta l’aumento di massa ossea: senza questo tipo di stress le ossa non diventano più forti e sono più esposte a infortuni. Il rischio, dunque, è quello di andare incontro a maggiori possibilità di sviluppare osteopenia e osteoporosi: una prospettiva che accomuna ciclisti e nuotatori, dato che anche gli amanti della piscina sono impegnati in un’attività esercitata quasi in assenza di gravità.
Entrambe le discipline inoltre, sottolineano gli esperti, sono caratterizzate da un notevole dispendio di calorie e di nutrienti che, se non vengono rimpiazzati adeguatamente con la dieta, privano l’organismo di sostanze importanti per l’integrità delle ossa, come calcio e vitamina D. Si tratta di un deficit calorico che può anche avere ripercussioni psicologiche e comportare problemi come un basso livello di estrogeni nelle donne e di testosterone negli uomini, ormoni che hanno un effetto protettivo sul sistema osseo e prevengono il rischio di fratture. Tra le raccomandazioni per i ciclisti e i nuotatori più accaniti, oltre a curare l’alimentazione, quella di integrare gli allenamenti con esercizi di carico sulle ossa, in modo da incrementare la densità della massa ossea e ridurre il rischio di infortuni e fratture.

D.A. Bemben et al., Bone density comparisons in male competitive road cyclists and untrained controls

in poche parole bevete più latte e trom.....di più :MOLLIE: :MOLLIE: :MOLLIE: :MOLLIE: :MOLLIE: :MOLLIE:

_________________
nella vita non sempre va tutto come vorresti,per fortuna tutto passa e la cosa importante è che gli AMICI restano!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!


Top 
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: I ciclisti pedalano verso l’osteoporosi?
 Messaggio da leggere Inviato: 31 ottobre 2009, 12:38 
Non connesso
Biker novus
Biker novus
Avatar utente

Iscritto il: 18 ottobre 2009, 16:32
Messaggi: 16
Località: Palermo
La tua bici: mountainbike bianchi, non ricordo il modello preciso
Telefono: 3803419026
Picciotti sono tutte scemenze. Infatti io ho un'ernia del disco, il tendine d'achilledx operato e il sx infiammato, da quando ho ripreso la bici mi sento più sano e più forte d prima. E poi i signor americani siricordino che l'America l'ha scoperta un italiano vero.

_________________
Barcollo ma non mollo


Top 
 Profilo  
Rispondi citando  
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
 
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 3 messaggi ] 

Indice » Tech Area » Allenamento, alimentazione, infortuni, recupero


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

 
 

 
Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Vai a:  
cron
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010
phpBB SEO